Oggi il Comune di Decollatura compie il 218° anno di vita poichè vide la luce il 29 aprile del 1802 dopo una lunga e difficile vertenza che si svolse presso la Regia Camera della Sommaria di Napoli. L’intera vicenda è stata dettagliatamente da me raccontata nel libro Decollatura. Volume I pubblicato  nel 2017. Si tratta quasi di un romanzo tanti sono stati i colpi di scena che si sono verificati nella causa promossa dai nostri leggendari fondatori con a capo Giuseppe Scalzo, mai abbastanza ricordato.

Quella che segue è l’immagine del primo sigillo adottato dal Comune che riporta la scritta «TERRA DI DECOLLATURA – S. BERNARDO ABATE – 1802» e all’interno dell’ovale una semplice quanto bella rappresentazione del santo con le mani giunte e l’insegna del potere abbaziale sul capo. E’ una bella immagine, naif certamente ma molto più bella e, quel che più conta, autentica perchè scelta dai fondatori del Comune 218 anni fa. Al suo confronto, per la bellezza della semplicità e per la forza evocativa dei simboli che contiene, l’anonimo emblema dei tre colli con albero di castagno e spighe che oggi ci ritroviamo impallidisce, ma in questo campo niente è definitivo…

Il primo sigillo usato dal Comune di Decollatura nel 1802

Il primo sigillo usato dal Comune di Decollatura nel 1802

 

Autografo di Giuseppe Scalzo

Autografo di Giuseppe Scalzo, primo Sindaco di Decollatura

Giuseppe Scalzo era nato a Passaggio il 25 marzo 1759 da Giovan Domenico e Ippolita Renzo (morirà all’età di quasi novant’anni il 24 luglio 1848). Divenuto col tempo un discreto proprietario di terreni e uomo inserito nella struttura di gestione del territorio poichè non solo si occupava delle sue diverse proprietà ma anche degli incarichi amministrativi assunti per conto della Principessa d’Aquino. Era quindi un uomo molto conosciuto e inoltre poteva contare su legami familiari con il notaio Filippo Pirri, un altro protagonista della conquista dell’autonomia amministrativa di Decollatura.

Fascicolo della causa di divisione - Archivio di Stato di Napoli “Atti ad istanza delli Cittadini delli Casali tutti dell’Università di Motta Santa Lucia sotto la denominazione di Decollatura in Provincia di Calabria Citra”

Fascicolo della causa di divisione (Archivio di Stato di Napoli).

E infatti di conquista si deve parlare perchè Decollatura è stato l’unico Comune del circondario ad aver conquistato la sua autonomia non in occasione di revisione dei confini amministrativi che periodicamente si sono avuti o per concessione del re, ma per la determinazione con cui il popolo sostenne la causa di separazione da Motta Santa Lucia.

Il 29 aprile è la data in cui fu stipulato un dettagliato accordo di separazione tra l’Università di Motta Santa Lucia e Giuseppe Scalzo per conto della nascente Università di Decollatura (Università era il vecchio nome dei Comuni). A questa data ancora in effetti il Comune in quanto istituzione non era ancora ufficialmente nato perchè ci doveva essere l’elezione del Sindaco, la nomina del primo e Secondo eletto e, cosa che più interessava al governo centrale, la nomina dell’esattore delle tasse che da quel momento in poi l’Università di Decollatura avrebbe dovuto versare allo stato. Poichè questi adempimenti furono felicemente portati a termine (nel libro racconto come, quando e da chi), la Regia Camera della Sommaria indicò proprio il 29 aprile 1802 come data da cui sarebbe decorsa l’autonomia.

Il marchese Nicola Vivenzio, presidente della Regia Camera della Sommaria che firmò gli atti relativi a Decollatura

Ricordiamo quindi con orgoglio i fasti del passato auspicando che questa ricorrenza del 29 Aprile possa essere presto inserita fra gli appuntamenti fissi dell’Anno Amministrativo, insieme alla Festa del 25 Aprile, del Primo Maggio, del 2 Giugno, del 4 Novembre, del 9 Maggio Festa dell’Europa, della festa del Santo Patrono del Comune del 15 Agosto.

Auguri a tutti i Decollaturesi!

Giuseppe Musolino, ©  29 Aprile 2020

Condividi:

leggi tutto

Giuseppe Musolino, Il primo sigillo del Comune di Decollatura risalente al 1802, «Storicitta’», n. 239, Anno XXVI (2017), pp. 18-20.

Sul numero di «Storicittà» in edicola in questi giorni (numero 239 Agosto-Settembre 2017) potete trovare il mio ultimo articolo che riprende uno dei temi affrontati nel libro «Decollatura. Volume I» e cioè l’aspetto che aveva il primo sigillo usato dal Comune di Decollatura fin dal 1802.

Nell’articolo sono presenti le immagini a colori non solo del primo sigillo ma anche di quelli usati negli anni seguenti e che ne hanno accompagnato l’evoluzione politico-amministrativa.

 

COPYRIGHT © 2017 by GIUSEPPE MUSOLINO

Condividi:

leggi tutto

Lo scorso martedì 24 ottobre a pagina 23 il Quoditiano del Sud ha pubblicato una recensione del mio libro Decollatura. Volume I.

Ringrazio l’autore, l’amico prof. Pasquale Taverna sempre attento alle tematiche culturali e ai principali eventi che interessano il territorio. Ecco l’articolo:

 

Il Quotidiano del Sud

Il Quotidiano del Sud - Articolo del prof. Pasquale Taverna

Condividi:

leggi tutto

 

Ieri pomeriggio nella Sala Eventi dell’Alexander Bar di Decollatura è stato presentato il mio nuovo libro “Decollatura. Volume I“. La partecipazione del pubblico è stata grande e perciò desidero ancora ringraziare tutti gli intervenuti.

Puntuali e molto apprezzati gli interventi del coordinatore prof. Antonio M. Pulerà che ha anche dato inizio all’evento con una relazione sul valore e l’importanza della storiografia, soffermandosi successivamente sull’opera presentata. Massimo Iannicelli, editore e direttore di «Storicittà. Rivista d’altri tempi» che si pubblica a Lamezia Terme da oltre 25 anni, ha ricordato la pubblicazione dei miei primi articoli sulla sua rivista, in particolare quelli sulla vozza e sulla coltivazione del castagno che si possono consultare in questo sito cliccando sui rispettivi link.

Dopo i due relatori ho preso la parola io per illustrare la genesi e i principali contenuti del volume. Avrei voluto parlare ancora più a lungo di quanto ho fatto, tale era il desiderio di trasmettere le novità storiografiche emerse a seguito delle ricerche durate oltre sei anni, ma non potevo abusare troppo della pazienza dei presenti.

 

Il pubblico

Dopo una breve ma molto apprezzata rassegna delle immagini più significative proiettate sul grande schermo di cui è dotata la sala, la manifestazione ha avuto la sua conclusione con un  brindisi augurale con un fresco prosecco servito dall’ottimo padrone di casa Marcello Bonacci, titolare dell’Alexander Bar, che ringrazio per l’ospitalità.

Da oggi il libro è disponibile nelle edicole-librerie Bonacci di Via Veneto e Zani in Piazza della Vittoria di Decollatura.

Per curiosità e domande i lettori possono inserire un commento in questa pagina oppure, per contattattarmi, possono utilizzare l’apposito modulo presente nel sito cliccando su questo link.

Buona lettura!

firma del volume

Condividi:

leggi tutto

 

Il prossimo 3 agosto 2017 sarà presentato al pubblico il mio nuovo libro DECOLLATURA. VOLUME I.

E’ il risultato di una lunga ricerca che ha avuto come obiettivo quello di ricostruire la storia del nostro Comune e del territorio di riferimento, anche alla luce di nuove scoperte e nuove ipotesi storiografiche. Nelle sue 528 pagine affronto la storia di Decollatura secondo un approccio completamente innovativo e che comprende molte tematiche inedite.


locandina 3 agosto 2017

  Ecco un passaggio tratto dall’introduzione:

Nel condurre la ricerca storica ho dovuto affrontare tematiche che spaziavano in tutti i campi: dall’origine dei molti toponimi legati a Decollatura – per primo proprio il suo nome – alle vicende legate alla conquista dell’autonomia amministrativa, dalla spiegazione delle scoperte archeologiche di questi ultimi anni al passaggio di Pirro, dal periodo dell’occupazione francese al Risorgimento, e tante altre meravigliose quanto ignote pagine della nostra storia. Moltissimi sono i documenti inediti che insieme a quelli noti ma oggetto di rilettura – in tutti i sensi –, mi hanno aiutato a comporre il quadro che propongo al lettore. La loro ricerca e la successiva consultazione hanno richiesto molto lavoro. Non parlo solo della difficoltà di poterli individuare e consultare, ma anche e soprattutto della loro interpretazione. La lettura di antichi scritti, spesso in latino, pieni di abbreviature e con grafie particolari è stata una parte molto impegnativa del lavoro ma anche quella che ha portato alla luce le cose più interessanti.

pagine

 

Il volume si articola in sei parti, ciascuna contenente diversi capitoli, come si può vedere nell’indice che riporto qui di seguito:

I. Le origini

p.11  Il territorio di Decollatura
17     La Pietra di Santa Filomena
22     Pietra Pagana e le altre pietre coppellate
33     Preistoria decollaturese
43     La tomba del 1982
45     La Decollatura romana
54     Il monte Reventino
61     Passaggio e Decollatura: la comune origine di due toponimi fondamentali
83     Il Medioevo
92     Il passaggio di Carlo V nel 1535
96     Le prime abitazioni
99     La famiglia Stocco, il palazzo e la chiesa
118      Abitare e villeggiare a Decollatura
123     Piccoli villaggi crescono
130     La leggendaria battaglia tra Pirro e i Mamertini

II. Due secoli per costruire un’identità

141     Un vescovo benemerito: Giovanni Giacomo Palamolla detto il Palemonio
149     La chiesa di San Bernardo e il palazzo vescovile
165     1707: nasce la parrocchia di San Bernardo
168     La costruzione della chiesa di Adami
174     La costruzione della chiesa di Casenove
190     La costruzione della chiesa di Cerrisi
202     L’istituzione delle parrocchie di Adami, Cerrisi e Casenove

III. La nascita del Comune di Decollatura

219     La richiesta dell’autonomia
226     Il parere decisivo del Visitatore economico
232     L’approvazione della supplica
236     La giusta causa
244     Motta resiste
248     La testimonianza dei parroci di Decollatura
250     La prima pubblica assemblea di Motta S. Lucia
254     La seconda pubblica assemblea di Motta S. Lucia
258     La firma dell’atto di divisione: nasce il Comune di Decollatura
268     La convenzione, punto per punto
278     L’elezione del primo sindaco e la ratifica della divisione
284     La riscossione dei tributi
294     Il regio assenso

IV. I primi anni di Decollatura

307     La riconferma di Giuseppe Scalzo
310     Il terzo mandato del sindaco Giuseppe Scalzo e la convenzione per le sepolture nella chiesa di San Bernardo
317     Dal 1804 al 1806
324     Arrivano i francesi
336     La reazione dei francesi contro gli insorti

V. Il Comune di Decollatura nel decennio francese

361     Le leggi francesi sulle università
370     «Legge n. 14 per la circoscrizione dei governi del Regno»
373     Una storia inedita sugli anni di mezzo
378     L’insaziabile reggimento d’Isembourg
386     L’Università di Decollatura dal 1806 al 1811
401     La richiesta dell’istituzione di un nuovo circondario
404     Il Comune di Decollatura e i primi bilanci
412     Immobili comunali
419     La fine dell’occupazione francese

VI. Dal 1816 al 1848

423     Un fatto di brigantaggio: l’uccisione del decurione Francesco Saverio Stocco
432     La Guardia Urbana
441     La costruzione del cimitero

515     APPENDICE A: Cronotassi dei sindaci di Decollatura

518     APPENDICE B: Sigilli e timbri comunali

519     Bibliografia

 

Per quest’opera ho scelto la strada dell’autopubblicazione, una modalità che va sempre più affermandosi tra gli autori indipendenti e che ha dato origine alla figura dell’Author Publisher, cioè l’autore che è anche editore di se stesso. Questo significa dover provvedere a tutte le fasi che portano dall’idea al prodotto finale che è il volume nella libreria, dalla redazione del testo all’impaginazione, dalla correzione delle bozze alla formattazione delle immagini, dalla grafica della copertina alla scelta della tipografia, fino all’acquisizione dell’ISBN e così via.

Per fortuna in tutto ciò ho avuto un grande sostegno da familiari e amici. Ringrazio ancora sia l’architetto Emilio Salvatore Leo per il progetto grafico della copertina e del logo «GM» che ho adottato come autoeditore e la Rubbettino print che ha curato la stampa del volume. Anche agli amici Antonio Pulerà e Massimo Iannicelli che saranno con me durante la presentazione del libro rivolgo un sincero ringraziamento.

Ricordo che la presentazione del libro a cui siete tutti invitati si svolgerà il giorno:

Giovedì 3 Agosto 2017, ore 17:30

presso la

Sala Eventi dell’Alexander Bar di Decollatura

(ingresso libero)

Condividi:

leggi tutto