Consiglio di Natale

Si è tenuta lo scorso 15 dicembre una seduta del Consiglio Comunale di Decollatura che ha visto molte conferme “di stile” da parte della Maggiornanza vale a dire nessun segno di rispetto dei regolamenti né tanto meno del ruolo dei consiglieri.

Già nella riunione dei Capigruppo svolta il 10 dicembre il Presidente Antonio Maletta aveva lasciato capire che il Sindaco non avrebbe accettato l’inserimento all’o.d.g. della risposta all’interrogazione presentata da noi di Più Decollatura da più di tre mesi. Questo però è un suo (del Presidente) problema e un suo limite perchè la redazione dell’o.d.g. è materia riservata al Presidente del Consiglio e non alla Sindaca la quale può solo chiedere l’inserimento di punti ma non vietare al Presidente di inserire quelli dovuti per legge, come le risposte entro i termini alle interrogazioni dei consiglieri. Essendo ormai superato ogni limite temporale per le risposte, si è capito che la Sindaca vuole andare a una prova muscolare con i consiglieri della Minoranza, per cui sarà necessario trovare una soluzione alternativa, non escludendo di informare il Prefetto e il Ministro dell’Interno Salvini al quale chiederemo se è normale che chi occupa il vertice di un’amministrazione sia autorizzato a sentirsi il dominus  della situazione, esentato dal rispetto di regole, scadenze e adempimenti e se non sia ora di rimuovere queste anomalie.

Alle 15,30 inizia il Consiglio con l’appello (avevano dimenticato di portare la comunicazione preventiva dell’assenza della nostra consigliera Luisa Fazio) e il Presidente Maletta chiede di osservare un minuto di silenzio in segno di cordoglio per l’improvvisa e prematura scomparsa dell’ex presidente del Consiglio Comunale Francesco Bonacci, pronunciando un breve discorso. Io ho chiesto che venisse annotata a verbale l’avvenuta commemorazione in modo che ne fosse fissato il ricordo nei registri comunali e che copia del documento venisse consegnato ufficialmente ai familiari (purtroppo, com’era facile prevedere, nel verbale che hanno appena pubblicato non ve n’è traccia).

Si passa poi all’approvazione dei verbali della seduta precedente, quella del 6 ottobre. Di solito, in casi normali, questo punto viene quasi saltato a pie’ pari perchè non ci sono elementi per imbastirvi una discussione politica. Naturalmente non è questo il nostro caso perchè partendo dal presupposto che in campo amministrativo i verbali sono l’unica cosa che rimane per sempre e sono l’unico strumento valido per ricostruire lo svolgimento degli eventi, è necessario che ne riportino fedelmente gli elementi caratterizzanti. Ho invitato quindi il Presidente ad affrontare l’esame dei verbali uno alla volta, al che non potrei escludere del tutto di aver sentito qualcosa come «uffa!» provenire dai banchi della Maggioranza. Si decide per l’esame dei verbali uno alla volta, a iniziare dal n. 16. In quella seduta avevamo presentato una mozione d’ordine:

Lamentavamo innanzitutto l’omissione delle riunioni dei capigruppo prima della convocazione del Consiglio e poi l’assenza di risposte alle nostre interrogazioni. Il Sindaco, si legge nel verbale, rispondeva:

Udito il Sindaco il quale replica punto per punto a quanto lamentato dal Consigliere Musolino: in particolare evidenzia il lavorio che è stato fatto presso la direzione provinciale delle Poste per l’apertura anche pomeridiana dell’ufficio postale, lavorio per il quale si è adoperato anche l’ operatore dell’ufficio postale e che a breve sarà concluso, almeno in questa fase con la redazione di un documento, da inoltrare alla direzione delle Poste, per l’ottenimento dell’apertura pomeridiana; sottolinea che gli atti del C.C. sono stati sempre disponibili sin dalla convocazione del Consiglio stesso ma nei giorni scorsi non si è visto nessuno dei consiglieri di minoranza nel Municipio per consultare ed esaminare gli atti medesimi; per quanto concerne l’interrogazione ricorda che non sono ancora scaduti i termini per la risposta; inoltre evidenzia la strumentalizzazione praticata dalla minoranza la quale critica il Sindaco persino per l’acquisto della fascia tricolore, acquisto che avrebbe effettuato chiunque in quanto elemento distintivo di ogni Sindaco della Repubblica italiana;
Udito il Consigliere De Grazia Luigi il quale lamenta la mancata convocazione dei capigruppo consiliari;

ecc…

La risposta del Sindaco è importante perchè parla, tra l’altro, dell’intenzione di sollecitare l’apertura pomeridiana dell’ufficio postale e del tempo che ancora aveva a disposizione per rispondere all’interrogazione sullo stato del servizio di raccolta dei rifiuti. Tutto caduto nel nulla, naturalmente perchè su nessuno dei due temi ha voluto aprire un confronto in Consiglio. La disponibilità a far consultare gli atti è stata citata perchè io ho fatto notare che quasi sempre, per non dire sempre, le proposte di deliberazione giungono senza essere state istruite e senza bozza per cui ci si trova a deliberare su una proposta “a voce” di cui non si sa chi sia il soggetto promotore, la motivazione, insomma tutto ciò che riempie di significato politico-amministrativo la scelta su cui dovrebbe pronunciarsi il Consiglio. Alla fine, dietro la promessa che nel futuro tutte le deliberazioni sarebbero giunte complete all’asame dei consiglieri, abbiamo approvato i verbali della seduta del Consiglio di ottobre.

Sul secondo punto all’o.d.g. si è concentrata la maggior parte della discussione in Consiglio. La richiesta firmata da tutti i consiglieri di minoranza era di inserire i seguenti punti:

1)  Situazione politico-amministrativa del Comune a seguito delle dimissioni di alcuni esponenti della Maggioranza dagli incarichi di Capogruppo e Assessore;   

2)  Informativa al Consiglio sulla situazione economica del Comune e sulle iniziative in atto nella direzione del risanamento del Bilancio;

3) Stato di attuazione dei progetti già finanziati e in corso di finanziamento.

Il Presidente, contrariamente a quanto stabilito in riunione dei capigruppo ove si era detto che i punti sarebbero stati elencati per come scritto nella richiesta, ha scelto un generico “Mozione presentata dai Consiglieri di minoranza”. Per quanto riguarda la situazione a seguito delle dimissioni del capogruppo Romano Cerra e dell’assessore Mauro De Grazia si capiva, anche dal “cambio di sedia” di quest’ultimo, che in seno alla maggiornaza si va delineando una spaccatura i cui contorni non sono ancora ben precisati ma certo non si tratta di semplici “spifferi”. Nonostante la rilevanza del gesto delle dimissioni, i consiglieri Cerra e De Grazia hanno ribadito di fare parte del Gruppo di Maggioranza e che non sono in vista transumanze, che del resto, precisiamo, nessuno ha auspicato o pronosticato. Sulla situazione la Sindaca «rassicura il Consiglio Comunale garantendo che la situazione politica amministrativa all’interno della maggioranza è molto più tranquilla di quanto si voglia far apparire all’esterno.» Quindi, non è sicuro che sia tranquilla anche perchè tutti notano la salita e la discesa nella nomenclatura del potere di questo o quel Consigliere, di questo e quell’Assessore.

Per quanto riguarda la ratifica delle variazioni di bilancio deliberate dalla Giunta ho espresso voto contrario — come dichiarato nel precedente Consiglio — dal momento che ancora la Sindaca ha omesso di rispondere alle nostre interrogazioni e poi perchè non sono proprio sicuro che siano state adottate con una Giunta legalmente riunita visto che non si dà atto della mutata composizione a seguito delle dimissioni dell’Assessore De Grazia. La Sindaca su questo punto ha detto che la Giunta era legalmente costituita come le aveva assicurato il Segretario. Io continuo ad avere dubbi ma su questo torneremo.

Nulla di nuovo è emerso nel resto della discussione: informare sullo stato di attuazione dei progetti non equivale a dire a che punto è la pratica amministrativa. Avremmo voluto discutere sull’impatto che le opere, una volte realizzate, potrebbero avere sullo sviluppo. Non possiamo continuare a ottenere finanziamenti per opere che poi non utilizziamo per mancanza di un progetto di sviluppo, per incompetenza, per incapacità di pensare oltre il domani o il dopodomani. Abbiamo costruito un Palazzetto dello Sport (che stiamo anche per ristrutturare) e non muoviamo un passo per lo sviluppo dello sport, per il sostegno alla squadra di volley, per promuovere attività dedicate ai bambini, per il tempo libero, per cercare convenzioni con squadre professionistiche per soggiorni estivi, ecc.  Abbiamo messo in sicurezza l’edificio scolastico di Piazza Perri ma ora che ne facciamo? Languirà tristemente fino a che non si aprirà qualche buco nel tetto e quindi di nuovo a cercare finanziamenti. Intanto niente biblioteca, niente apertura ufficiale dell’Archivio storico, niente saletta conferenze, nessuna iniziativa di prestigio per l’utilizzo di un immobile che è stato il vanto di Decollatura e che sarebbe utilissimo per il rilancio delle attività culturali. Vogliamo continuare? A che ci serve il restaurato edificio di Piazza della Vittoria? Non si possono fare presentazioni di libri perchè “manca il regolamento”, non è utilizzato per mostre e attività durante le due fiere maggiori di settembre e novembre, non c’è una sala utilizzata dal Comune per promozione turistica. Adesso restaureremo l’ex municipio: per farci cosa? Ormai non ci sono più associazioni amiche cui assegnare una sede; la Protezione Civile, quella operativa, “non abita più qui”, l’abbiamo mandata a chilometri e chilometri di distanza; neanche l’ufficio delle Guardie forestali e l’ufficio di collocamento faranno compagnia ai muri.

Il finanziamento di 98.000 euro per il miglioramento della raccolta differenziata? Lo sapete che se non raggiungeremo il 70,30% di raccolta differenziata entro il 31/12/2020 l’importo finanziato (che all’epoca del controllo sarà stato sicuramente tutto speso…) sarà decurtato del doppio della differenza tra quanto promesso e quanto raggiunto? Per esempio, se al 2020 dovessimo giungere solo al 50% saremo penalizzati del 40,60%, cioè dovremmo restituire 45.000 euro. Pensate che sarà facile in due anni passare dalla percentuale che abbiamo oggi e che è così bassa che mi vergogno a scriverla, al 70,30% che non ha nemmeno a Bolzano che “si ferma” al 66,2 %? Come si potrà fare se l’Amministrazione si rifiuta di affrontare l’argomento e pensa di poter fare senza l’inutile contaminazione del dialogo con la Minoranza? Noi non approveremo nessun atto di bilancio destinato a sanare atti di conclamata malamministrazione.

Chiudo con un altro dei punti che abbiamo sollevato insieme ai consiglieri di Lista Unica. Vi sembra, o Amministratori, che sia giunta l’ora di pubblicare i dati obbligatori nella sezione trasparenza? Possiamo sapere quali sono gli importi delle vostre indennità e i curriculum che, come ho già detto in Consiglio, non servono per conoscere le pubblicazioni a stampa e i titoli accademici di ciascuno di noi perchè tutti li sappiamo già. Servono invece perchè i cittadini devono saper che fine fanno i loro versamenti IMU e in quale ambiente lavorativo operano gli Amministratori. Tutti concorderete che se un assessore, per ipotesi, lavora come venditore in un’azienda di computer, sarebbe sconveniente fare acquisti, magari senza gara, proprio in quel negozio (è solo un esempio inventato). E’ per questo motivo che la legge obbliga a pubblicare questi dati: per rendere maggiormante evidente l’eventuale conflitto di interessi che sono certo non ricorre in nessuno dei casi che ci riguarda.

Stavo quasi per chiudere quest’articolo di informazione sul Consiglio comunale quando mi è giunta notizia di un increscioso episodio che ha riguardato il ritratto del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che si trova nel Comune di Decollatura. E’ accaduto che tramite un ingegnoso artificio tecnologico — che non saprei spiegare — è stato possibile far apparire la figura di un’altra persona al suo posto nel ritratto che si trova in un importante ufficio comunale che sembra essere proprio quello del Sindaco. Il palazzo delle istituzioni, del governo del Popolo, della rappresentanza democratica, trasformato in locale di divertissement e set fotografico a disposizione di pochi eletti (e non).

O tempora, o mores.

Giuseppe Musolino


Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il numero: *