Programma amministrativo della lista Più Decollatura

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO della lista

PIU’ DECOLLATURA

Logo Più Decollatura

 

 

 

 

 

 

 

 

AI CITTADINI DEL COMUNE DI DECOLLATURA (CZ)

La lista dei candidati al Consiglio Comunale di Decollatura e la collegata candidatura alla carica di Sindaco di Giuseppe Musolino, qui di seguito espongono il proprio programma amministrativo per il quinquennio di carica degli organi del Comune.

PREMESSA

Il Programma amministrativo della lista civica Più Decollatura è centrato sulla necessità di intervenire su problemi interni ed esterni al fine di restituire al Comune di Decollatura miglioramento della vivibilità, stabilità amministrativa, sicurezza nel bilancio, recupero di visibilità e importanza nel comprensorio.

Il miglioramento della vivibilità passa necessariamente per il miglioramento e il contenimento dei costi dei servizi erogati dal Comune e, soprattutto, per la creazione delle premesse di un aumento dell’occupazione. Su questi due obiettivi strategici è basata l’articolazione del programma amministrativo che si riassume bene nello slogan che dà il nome alla lista Più Decollatura. C’è bisogno di avere una Decollatura più moderna, più efficiente, più organizzata, più orgogliosa della propria storia, più pronta a sfruttare le proprie risorse ambientali, culturali, turistiche. Rispetto all’esterno Più Decollatura significa portare il nostro Comune allo status di leader del comprensorio, ruolo che ormai da troppo tempo gli è stato sottratto con grave perdita di immagine e forza contrattuale, con gravi conseguenze sulla possibilità di cogliere le opportunità di sviluppo che, come si è detto, sono l’obiettivo finale da raggiungere.

Per ottenere tutto ciò è necessario ricercare e costruire la più ampia collaborazione con tutte le forze sane che esistono nel nostro Comune. Da qualsiasi posizione è possibile convergere verso questo obiettivo: possono e devono farlo le forze politiche, qualunque sia il ruolo occupato nel Comune, il personale del Comune che è la vera forza che manda avanti i servizi, gli operatori commerciali, i professionisti, i giovani, insomma tutti i Cittadini.

COME LAVOREREMO

L’unico modo per ottenere i risultati auspicati è quello di creare un metodo di lavoro che passi innanzitutto attraverso il coinvolgimento di tutti i soggetti appartenenti alla comunità decollaturese, ognuno chiamato a far parte del progetto esaltando le singole peculiarità e le vocazioni.

Il ruolo di progettare e programmare vedrà ovviamente in prima linea la maggioranza che però avrà il compito di ascoltare, dialogare, discutere con le altre componenti, specialmente con la minoranza consiliare. I cittadini saranno ascoltati e coinvolti nelle scelte, con strumenti che sarà necessario attivare; i giovani dovranno trovare nell’Amministrazione non solo ascolto ma vedere in essa il punto di riferimento per costruire la città a loro misura dal momento che saranno loro a raccogliere i frutti di ciò che si sarà costruito. La concertazione con i diretti interessati dei vari settori in cui si opererà sarà il metodo di lavoro che abbiamo in animo di utilizzare perché è l’unico capace di dare alle scelte il carattere della stabilità e della vera efficacia.

 OBIETTIVI

Posti di lavoro!  Questa è la promessa che più di tutte sarebbe gradita ai cittadini e che ancora di più ogni candidato alle elezioni vorrebbe poter fare. La realtà però è ben diversa perché lo sviluppo, specialmente in alcune aree del Sud, stenta a partire. La lista Più Decollatura non cerca il consenso di duemila elettori promettendo ipotetiche sistemazioni, ma vuole portare il Comune verso uno sviluppo capace di offrire a tutti un’occasione di crescita e inserimento nel mondo del lavoro. Le risorse le abbiamo già tutte: territorio, ambiente, paesaggio, storia, cultura, agricoltura, gastronomia, ospitalità. E poi il sole, l’acqua, i fiumi, gli alberi, le montagne, la posizione strategica e, la risorsa più preziosa, la nostra gente! Se vediamo il territorio come un sistema interagente con l’esterno è facile comprendere che le risorse che lo arricchiscono sono quelle che vi rimangono dopo aver fatto il bilancio tra quelle che entrano e quelle che devono uscire per mantenere in vita il sistema stesso. Bene! Noi vogliamo rendere più grande possibile il livello delle risorse che restano nel territorio, cercando di aumentare le entrate e diminuire le uscite. Le entrate aumentano con l’incremento dell’occupazione, del commercio, dell’attrazione di turisti e fruitori dei servizi, mentre le uscite si devono rendere minime diminuendo quanto più possibile il ricorso ad approvvigionamenti dall’esterno. Allora comprendiamo, per esempio, l’importanza di contenere la produzione di rifiuti perché questo si traduce in un esborso che giunge a cifre enormi: prima dobbiamo acquistare all’esterno i beni, poi dobbiamo spendere per il trasporto dei rifiuti e poi pagare a peso d’oro per lasciarli in discarica.

Un altro esempio. L’energia del sole che il Comune potrebbe utilizzare per raggiungere la totale autosufficienza energetica per gli edifici comunali, le scuole, il depuratore e la pubblica illuminazione rappresenta un’enorme occasione persa per evitare di sborsare enormi cifre all’Enel e le altre società quando, creando gli impianti necessari, potremmo conseguire enormi risparmi e utilizzare per la manutenzione giovani con alta qualificazione che altrimenti saranno spinti a emigrare. Anche il riscaldamento degli edifici costringe ad esborsi notevoli per il gasolio o il metano, con la solita uscita dal territorio di grandi somme che mettono in crisi il bilancio comunale. La creazione di impianti solari innovativi con combinato solare termico/fotovoltaico può contribuire a diminuire molto questa voce di spesa, se non annullarla. L’esborso sarebbe quindi indirizzato agli addetti alla manutenzione che, ancora una volta, sarebbero operatori locali specializzati. Quelli che emergono già da questi semplici esempi sono i principi generali che noi poniamo sopra tutte le scelte e che siamo sicuri innescherebbe un circolo virtuoso capace davvero di offrire occupazione sostenibile per molta più gente che delle vuote promesse elettorali poco realizzabili e comunque non portatrici di un benessere esteso a tutto il «sistema  Decollatura».

Gli obiettivi che la lista Più Decollatura si propone di raggiungere sono proposti qui di seguito. Si tratta di una schematizzazione utile ai fini della comunicazione ma nella realtà si è consapevoli che tutti dovranno procedere di pari passo, anzi siamo convinti che difficilmente si potrà progredire in un settore se non si assiste a un contemporaneo progresso anche negli altri.

  •  Politica finanziaria. È di questi giorni la decisione del Commissario Straordinario di attivare procedure di rientro dal disavanzo economico presente nel bilancio comunale. La situazione richiede attenzione per guidare il Comune verso il risanamento economico definivo e andare verso il pareggio e, in prospettiva, le condizioni di un avanzo. I cittadini di Decollatura hanno sempre avuto un atteggiamento corretto nei confronti delle imposte e nei pagamenti puntuali delle tariffe. A parte pochi casi in cui l’esigibilità si è dimostrata impossibile, si è riusciti a recuperare le somme dovute per cui l’atteggiamento che la nostra Amministrazione avrà sarà quello di trattare con correttezza e rispetto i contribuenti, offrendo tutte le opportunità consentite dalla legge per pagare le bollette. Il contenimento dei costi dei servizi è la strada maestra che un’Amministrazione può seguire per andare incontro alla difficile situazione economica in cui versano molte famiglie. È sullo studio e l’adozione di tutte le possibili strategie volte in questa direzione che ci impegneremo, utilizzando anche l’ascolto e praticando il confronto con una cittadinanza che vogliamo sempre più attiva e propositiva.
  • Legalità. La promozione e il rispetto della legalità in tutte le articolazioni della vita amministrativa sarà a fondamento del nostro operato. Non solo il Comune adotterà azioni di trasparenza al suo interno ma si attiverà per promuovere il rispetto delle regole a partire dai più elementari comportamenti quotidiani dei cittadini. Il metodo che si seguirà è soprattutto quello della prevenzione partendo dal presupposto che il cittadino fino a prova contraria vuole seguire le regole e perciò deve essere messo in condizioni di farlo. Quindi si stabiliranno delle regole chiare e in grado di andare incontro anche a chi ha difficoltà economica prevedendo dilazioni e altre forme di aiuto. La collaborazione con le Forze dell’ordine sarà continua e finalizzata al presidio del territorio, creando una rete di sicurezza in grado di monitorare, anche con strumenti tecnologici, il territorio. Saranno istituite associazioni di volontariato civico per coadiuvare il Comune nel controllo del territorio: davanti alle scuole, traffico, ecc.
  • Personale comunale. Non è un caso se in tutti i programmi elettorali fra i primi punti c’è sempre quello riservato al personale interno del Comune. È ovvio che anche per noi di Più Decollatura si dovrà subito effettuare una ricognizione sull’utilizzo del personale anche per garantire il funzionamento della macchina amministrativa e l’erogazione dei servizi. La diminuzione del numero di dipendenti a seguito dei pensionamenti e l’impossibilità di ricorrere a nuove assunzioni obbliga a rendere più efficienti tutti i settori tendendo all’ottimizzazione e alla semplificazione dei procedimenti nonché a una maggiore efficacia degli interventi nei servizi esterni. Quindi la semplificazione, l’aggiornamento del personale, il ricorso a procedure consentite dalle tecnologie informatiche (per esempio il rilascio di certificati online), la digitalizzazione delle procedure, sono tutti interventi che consentiranno di diminuire il peso sulla macchina comunale consentendo al personale di dare risposte più rapide ed efficaci alle istanze dei cittadini.
  • Scuola. Gli edifici scolastici che è necessario mantenere, stante la diminuzione della classi che c’è stata negli anni passati, sono in numero relativamente contenuto. Negli anni passati poi ci sono stati interventi (tra cui alcuni ancora da completare ma già finanziati come quello alla scuola materna di Via D’Annunzio) che hanno risolto problemi di sicurezza per cui si può dire che su questo fronte non ci siano grossi interventi da prevedere. Rimangono invece aperti i problemi del trasporto e della mensa. Entrambi sono tematiche su cui occorrerà impegnarsi perché sono legate a situazioni su cui è difficile intervenire. Il trasporto deve fare i conti con la vastità del territorio comunale che impone lunghi tragitti e conseguenti oneri per i veicoli, autisti e accompagnatori; per la mensa si deve operare una mediazione non sempre facile tra contenimento del costo  e qualità dei prodotti che non sempre sono graditi ai bambini o, quando lo sono, non è detto che siano equilibrati dal punto di vista nutrizionale. Ecco allora che sul problema mensa l’Amministrazione che Più Decollatura guiderà, se gli elettori la sceglieranno, interverrà con idee innovative sia per quanto riguarda la composizione del menù, sia per la scelta della qualità dei prodotti che saranno il più possibile a km 0, compresa l’acqua! E riprendendo quanto scritto nella premessa sulla necessità di discutere e condividere le scelte, soprattutto con i soggetti interessati, tutti saranno chiamati a dare il loro contributo, dai genitori agli operatori scolastici, dagli insegnanti ai nutrizionisti. Per quanto riguarda la durata del servizio, si dovrà procedere in modo da far coincidere l’inizio e la fine dei servizi di mensa e trasporto con l’inizio e la fine delle lezioni, evitando i lunghi mesi di “pranzo col panino”! Sebbene la mensa e i trasporti siano i settori su cui tradizionalmente si sofferma l’attenzione dei programmi elettorali, la realtà della vita scolastica deve fare i conti anche con altri problemi. Anche su quelli noi di Più Decollatura abbiamo in programma di intervenire: la revisione degli impianti di riscaldamento in modo da renderli sicuri ed efficienti, gli impianti elettrici e l’accesso a Internet, il rinnovo degli arredi scolastici, la sistemazione delle aree esterne, un preciso programma di comunicazione in caso di chiusura delle scuole per nevicate o per le fiere. Per quanto riguarda la sede della Scuola Media/Primaria sarà necessario creare una strada che renda più comodo accompagnare i bambini a scuola e che elimini gli ingorghi su Corso Umberto I, specialmente nei giorni di pioggia. Per quanto riguarda il Liceo Scientifico di Decollatura, ormai sede centrale dell’Istituto di Istruzione Superiore “L. Costanzo”, è necessario riprendere e dare impulso al completamento di costruzione dell’edificio nella sua interezza, per come era stato a suo tempo progettato. Il Comune di Decollatura ha investito una somma ingente per l’acquisto dell’area destinata a ospitare l’intero complesso di edifici di cui quello attualmente costruito è solo 1/3 dell’intero progetto. Saranno attivate sinergie con la dirigenza dell’Istituto in modo da ottenere dalla Regione o da altri Enti la messa in bilancio delle somme necessarie per il completamento dell’opera che si rende sempre più indispensabile per consentire all’Istituto la realizzazione dei progetti innovativi che ha avviato. (Per continuare a leggere clicca su Leggi tutto).
  • Servizio raccolta differenziata dei rifiuti. Il servizio raccolta differenziata dei rifiuti ha tutti i presupposti per poter funzionare in modo efficiente. In pochi anni si è passati dalla raccolta indifferenziata nei contenitori sparsi per tutto il paese, spesso traboccanti di sacchetti maleodoranti, alla raccolta porta a porta che di solito è avvenuta in maniera efficiente. In certi periodi, come quello attuale in corso da diverse settimane, per motivi che di volta in volta sono stati ricondotti a guasti degli automezzi, a problemi di blocco delle discariche, ecc., si è assistito all’interruzione del servizio in buona parte dell’abitato, costringendo i cittadini a recarsi nel punto di raccolta per depositare i sacchetti con i rifiuti. Inoltre da più mesi è sospeso il servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti. La lista Più Decollatura si propone di intervenire sul servizio di raccolta dei rifiuti con l’obiettivo di ridurre il quantitativo dei rifiuti prodotti e di rendere più efficiente la raccolta. Per quanto riguarda l’umido si promuoverà il compostaggio domestico, già praticato da molti cittadini, riconoscendo detrazioni agli utenti che lo praticheranno. In aggiunta a ciò si promuoveranno piccoli impianti di compostaggio di quartiere destinati a servire gli utenti che non hanno la possibilità di effettuare quello domestico o per trattare la frazione organica prodotta dalle aree di verde pubblico, dalle scuole, ecc. L’isola ecologica di Via Sorbello dovrà entrare a pieno regime e sarà il luogo in cui prodotti come plastica, metallo e vetro che finora hanno creato costi per il loro smaltimento, potranno invece trasformarsi in risorsa economica da vendere sul mercato, evitando i costi per trasporto e conferimento in discarica. Se l’isola ecologica funzionerà a pieno regime e la qualità della differenziata sarà adeguata si stipuleranno le necessarie convenzioni con gli enti di raccolta vetro, plastica e metalli i quali ritirerebbero i materiali senza oneri per il Comune o addirittura pagando. I risparmi ottenuti, compresi eventuali ricavi, verrebbero trasformati in sconto agli utenti in proporzione al materiale conferito come risulterebbe dai sacchetti con codice a barre individuale.  Anche il servizio di raccolta di rifiuti elettrici ed elettronici deve essere gestito in modo da consentire ai cittadini di smaltire con tutta tranquillità le varie tipologie di rifiuti (schermi, elettronica di consumo, sorgenti luminose) che necessitano di trattamenti diversi. Per aiutare i cittadini e rispondere ai dubbi sulle modalità di smaltimento dei vari tipi di materiale sarà aperta sul sito del Comune una sezione in cui si troveranno tutte le indicazioni e le risposte alle Faq. Con le informazioni giuste sarà possibile diminuire al massimo la quota di rifiuti indifferenziati, quelli che hanno il costo di smaltimento maggiore.
  • Servizio acquedotto. L’acquedotto comunale richiede un intervento risolutivo per la sostituzione dei tubi metallici più vecchi che garantirebbe riduzione delle perdite e miglioramento della qualità dell’acqua erogata. Il secondo intervento deve essere rivolto alla ricognizione sul fabbisogno totale di acqua volto a garantire la continuità dell’erogazione anche nei mesi estivi. Occorre quindi individuare nuove sorgenti e nuovi pozzi. Andranno verificati anche i misuratori della Sorical in modo da avere certezze sugli importi da pagare.
  • Viabilità.  Il problema della manutenzione delle strade urbane ed extraurbane è uno dei più sentiti dalla popolazione perché costituisce una fonte di pericolo e di disagio negli spostamenti che quotidianamente si affrontano. La mancanza di risorse economiche da destinare alla manutenzione e al rifacimento del manto stradale pone in serie difficoltà anche le amministrazioni dotate delle migliori intenzioni. La strategia che seguiremo farà leva su diversi punti. Innanzitutto si solleciterà l’Ente provinciale a provvedere alla manutenzione di strade di sua competenza che sono una discreta fetta del totale. Per quanto riguarda le strade extraurbane e quelle rurali si coglieranno le occasioni di finanziamento offerte da varie fonti, soprattutto quelle legate a contributi per danni dovuti al maltempo oppure alla lotta al dissesto idrogeologico. Per quanto riguarda la manutenzione urgente delle classiche “buche” si dovrà provvedere mediante bitume a freddo o materiale più economico ugualmente efficace. Oltre a questo tipo di interventi sarà necessario predisporre un piano di interventi di maggiore portata nelle strade principali che partirà dalla rimozione del vecchio bitume e giungerà alla posa del nuovo strato. Le risorse economiche da investire in queste opere potranno essere disponibili solo se il Comune si doterà del piano di contenimento delle spese “evitabili” come quelle per l’energia elettrica di cui si parla in altri punti in modo da svincolare risorse da destinare a interventi come quello sulla viabilità per i quali non esistono alternative al finanziamento diretto.
  • Servizio depurazione. Il problema maggiore che attualmente riguarda il depuratore – che funziona molto bene e dal quale escono acque trattate secondo le norme – è il costo per l‘energia elettrica che fa funzionare le pompe di aerazione e che ammonta a diverse migliaia di euro al mese. Il problema si può risolvere con l’installazione di un impianto fotovoltaico per produrre in loco l’energia ed è questa la strada che seguiremo, in primis cercando la fonte di finanziamento, poi studiando un progetto che garantisca la continuità del servizio anche integrando il fotovoltaico con altre forme di energia rinnovabile.
  • Illuminazione pubblica. Il grande numero dei lampioni della pubblica illuminazione non deve impedire l’erogazione del servizio in tutti i punti. È necessario eseguire una ricognizione sui contratti in vigore con i fornitori di energia e del servizio manutenzione per individuare forme di risparmio. La prima forma che si deve cercare di conseguire è la sostituzione dei corpi illuminanti con quelli dotati delle nuove lampade a Led che, com’è ormai dimostrato anche con le esperienze fatte nelle nostre case, garantiscono un abbattimento dei consumi dal 60% (rispetto a quelle arancioni a vapori di sodio) fino a quasi il 90% rispetto alle lampade a incandescenza. Occorrerà cercare forme di finanziamento per giungere alla sostituzione graduale. Dato anche la grandissima durata delle lampade Led diminuiranno le interruzioni del servizio e i costi di gestione e manutenzione, a tutto vantaggio delle tariffe sostenute dagli utenti. Le caratteristiche della luce Led caratterizzata da una forte direzionalità consentiranno di diminuire l’inquinamento luminoso con benefici effetti sull’ambiente. Si penserà anche alla progettazione di un impianto fotovoltaico con accumulo di energia per l’alimentazione delle lampade votive del Cimitero e delle luci dei viali interni. Il progetto prevederà la sostituzione delle lampade a incandescenza con quelle a Led per cui il costo che dovranno sostenere gli utenti sarà di fatto limitato alle sole spese di manutenzione.
  •  Servizio affissione. L’affissione selvaggia di manifesti di ogni genere nei luoghi più improbabili deve essere risolta anche perché, oltre al senso di disordine e prova dell’esistenza di una procedura non governata, produce un costo per lo smaltimento della carta che una volta caduta per terra diventa rifiuto indifferenziato. Occorrerà quindi intervenire sul regolamento e istituire nella forma che sarà ritenuta più idonea il servizio di affissione che il Comune includerà nelle attività da affidare a cooperative di lavoratori, sempre con lo scopo incrementare le opportunità di lavoro.
  • Protezione civile. La Protezione civile comunale si deve articolare in due settori complementari: il primo è quello relativo agli interventi d’emergenza in caso d’incendio, incidenti, eventi con pubblico numeroso, ecc.; il secondo è quello della predisposizione e manutenzione di un piano particolareggiato per fare fronte a calamità naturali distruttive come terremoti, alluvioni, grandi frane, interruzioni di strade e così via. Nel primo settore si procederà secondo quanto attivato in questi anni, stabilendo convenzioni con i gruppi di protezione civile esistenti e con collaborazioni con altri Comuni. Il secondo settore richiede invece una pianificazione centrata sulla struttura del Comune che, in caso di grande calamità, diventerà il cuore del coordinamento delle operazioni di soccorso che si interfaccerà con Prefettura e altri organismi. Dovrà essere formato quindi il gruppo di Volontari Comunali di Protezione Civile e costruito un piano dettagliato che va dal censimento e aggiornamento dei beni necessari per i primi interventi alla verifica della disponibilità di strutture organizzate per ricovero dei senzatetto, dalla predisposizione di aree per l’installazione di tendopoli alla predisposizione di modalità di approvvigionamento idrico d’emergenza.
  • Politiche sociali. La lista Più Decollatura considera prioritaria l’attenzione verso le persone in ogni momento della loro vita. Per questo saranno organizzate tutte le strutture che hanno lo scopo di migliorare le condizioni di vita specialmente se i cittadini soffrono di difficoltà economiche e/o sociali. La prevenzione del disagio avviene innanzitutto creando una città in grado di offrire benessere mediante servizi a misura delle varie fasce di popolazione. Giardini, aree gioco e parchi puliti a curati per i più piccoli; occasioni di svago e crescita culturale per i giovani e gli adulti; attenzione ai bisogni e assistenza per gli anziani e i disabili. La creazione di marciapiedi per le passeggiate e luoghi di sosta con panchine nei centri urbani, consentirà di trascorrere del tempo in spazi aperti godendo del positivo effetto sul benessere generale della persona creato dagli incontri con gli altri. L’incentivazione e il sostegno al volontariato sociale, tradizionalmente molto diffuso nei decollaturesi, costituirà la leva per raggiungere obiettivi lì dove non sono possibili altri tipi di interventi ma gli sforzi dell’Amministrazione saranno diretti nella ricerca di fonti economiche idonee a fornire a chi opera in questo settore la giusta retribuzione.
  • Attività produttive. Il sostegno alle attività produttive assume valore strategico nel programma amministrativo della lista Più Decollatura. Se si vuole che il nostro territorio offra opportunità di lavoro ai giovani e non li costringa a perpetuare la fuga al Nord o all’estero, lo sviluppo delle attività produttive è l’unica strada possibile. Quali sono i settori su cui si può intervenire e con quali strategie? L’analisi che abbiamo effettuato dimostra che occorre privilegiare i settori in cui tradizionalmente Decollatura può vantare un indiscutibile primato come il turismo, la produzione agricola d’eccellenza e la trasformazione, il commercio, l’artigianato, la silvicoltura, i servizi. Ciascuno di questi settori merita di diventare protagonista mediante una campagna di rinnovamento e di comunicazione in modo che le produzioni del nostro territorio siano riconoscibili anche mediante la creazione di un marchio territoriale. Per il sostegno all’agricoltura e alle produzioni alimentari d’eccellenza (prima fra tutte la soppressata di Decollatura ma poi anche la patata e gli ortaggi, anche trasformati) sarà creato il marchio Denominazione Comunale di origine per rendere riconoscibili i nostri prodotti. Per il sostegno al turismo occorrerà una campagna di comunicazione coordinata in modo da raggiungere tutti i potenziali clienti, compresi gli emigrati che intendono tornare come turisti oppure trasferirsi definitivamente a Decollatura. Il potenziamento delle strade di comunicazione, compresa la strada a scorrimento veloce che dovrebbe garantire il collegamento con l’autostrada A2, sarà un’opportunità da cogliere per sfruttare la facilità di raggiungimento del nostro comune.
  • Attività culturali. La cultura è uno dei settori distintivi del nostro comune. La nostra storia affonda in tempi lontanissimi di cui in tempi recenti si sono trovate importanti testimonianze archeologiche. Le ricerche vanno riprese e ampliate perché il territorio è ancora tutto da esplorare e ci sono indizi molto promettenti su più fronti. La valorizzazione delle chiese, dei palazzi storici, dell’architettura spontanea nei centri storici è un altro importante obiettivo che intendiamo perseguire e che darà lustro ai nostri centri. L’elenco delle attività culturali su cui punteremo sarebbe molto lungo e perciò ci limitiamo a elencare alcuni interventi prioritari. Inizieremo con l’apertura della Biblioteca e dell’Archivio Storico Comunale nell’edificio di piazza Perri, che sarà interamente convertito a «Palazzo della cultura», continuando con la ripresa del Museo della Nostra Terra al quale dovrà essere data una sistemazione adeguata. Per consentirne la fruizione si cercheranno forme di collaborazione con associazioni o cooperative di giovani che puntano alla valorizzazione a fini turistici del nostro patrimonio storico-culturale. In particolari occasioni saranno organizzate attività pratiche per illustrare, ad esempio, la preparazione di piatti tipici o l’utilizzo di attrezzature esposte nel museo. La valorizzazione dei personaggi illustri di Decollatura sarà il filo conduttore per tutte le attività culturali. La figura del poeta Michele Pane dovrà essere sempre più valorizzata anche grazie alle attività del Parco Letterario a lui dedicato. È anche giunto il momento di mettere all’ordine del giorno il progetto di riportare in patria i suoi resti. Questa volta, anche grazie alle competenze presenti nel nostro gruppo, siamo sicuri che riusciremo a centrare l’obiettivo, secondo quello che era stato sempre auspicato da amministratori, estimatori del Poeta e in generale da tutti i cittadini. Analogo lavoro di valorizzazione andrà rivolto verso il complesso del Palazzo Stocco e la chiesa annessa, già da tempo sottoposti a vincolo del Ministero dei beni culturali. Occorre sollecitare interventi dello stesso ministero o di altri enti pubblici in modo che il complesso venga restaurato e messo in sicurezza, pensando anche alla realizzazione di un Museo del Risorgimento in collaborazione con la famiglia Stocco. Il nostro programma prevede il sostegno alle tante altre iniziative culturali in cui i decollaturesi possono vantare di essere stati pionieri e aver raggiunto livelli mai eguagliati. Fra le attività che promuoveremo ci sarà certamente la Sagra della patata che dovrà essere calendarizzata in una data fissa in modo costituire un appuntamento costante negli anni. Nei mesi estivi sarà organizzato un calendario di eventi ricreativi e culturali in collaborazione con la Pro loco e le altre organizzazioni presenti nel territorio.
  • Ambiente e territorio. Come si può notare in ogni parte del presente programma, la valenza che noi di Più Decollatura diamo all’ambiente è altissima. Vivere in un ambiente sano e protetto non solo è una garanzia per la salute dei cittadini ma anche di attrazione turistica con i positivi riflessi sull’economia. Pertanto assicureremo, in collaborazione con le altre autorità competenti, il controllo delle acque delle sorgenti e dei fiumi, la salute dei boschi e del loro utilizzo come risorsa rinnovabile, misure per la prevenzione degli incendi, misure per lo smaltimento razionale di ogni tipo di rifiuto. I fiumi richiedono, oltre al controllo della qualità delle acque, interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria per evitare che da risorsa si trasformino in problema. A questo fine saranno chiesti finanziamenti per la manutenzione degli argini e dei canali in modo da garantire il regolare flusso delle acque. Analoga attenzione va riservata alle montagne sia dal punto di vista naturalistico sia come ambiente antropico in cui si era realizzata una secolare integrazione tra gli interventi dell’uomo e il contesto naturalistico. Occorrerà pensare a un intervento di salvaguardia dei castagneti e dei fabbricati destinati alla lavorazione delle castagne, non solo come testimonianza di un modo di vivere ma anche con valenza culturale e turistica. La manutenzione delle strade e dei sentieri di montagna è un’azione fondamentale per consentire a tutti di “vivere la montagna” con facilità e in sicurezza. Saranno promossi, cercando collaborazioni con associazioni che già operano nel territorio, progetti di mappatura, studio e valorizzazione dei sentieri di montagna. Una particolare attenzione porremo al processo di riscoperta e riappropriazione culturale di beni ambientali di grande rilievo come il fiume Amato e il Monte Reventino entrambi fortemente legati per origine e collocazione al nostro Comune.
  • Promozione turisticaPer la promozione a fini turistici del territorio di Decollatura non dobbiamo fare altro che guardarci intorno e prendere consapevolezza della grande fortuna che ci è capitata di vivere in un ambiente pressoché incontaminato tra ettari di boschi fitti come foreste, pianure come raramente se ne vedono nell’entroterra calabrese, fiumi e monti. Il lavoro dell’uomo poi ha creato ricchezze inestimabili come la bellezza del paesaggio agrario che offre uno spettacolo ineguagliabile in ogni stagione e i tanti prodotti d’eccellenza dell’enogastronomia. La bellezza dei centri storici di Decollatura, il richiamo della storia e della cultura rendono agevole l’individuazione delle iniziative da compiere per promuovere e potenziare le attività turistiche nel nostro comune. Occorre innanzitutto essere presenti nei luoghi (virtuali o fisici) frequentati dalle persone interessate a muoversi. Quindi occorre essere presenti nelle pagine web di ogni tipo, da Wikipedia ai siti di informazione turistica. Sarà molto importante stimolare gli operatori del settore turistico-alberghiero a essere presenti sui siti più diffusi a livello globale (Trivago, Booking.com, ecc.) in modo che chiunque abbia intenzione di passare un periodo di vacanza nel nostro comune abbia facile accesso alla prenotazione. Un ruolo molto importante nella promozione turistica dovranno svolgere la Pro loco e le altre associazioni già molto attive e conosciute del territorio. Con esse saranno attivate collaborazioni per predisporre itinerari e pacchetti turistici da far conoscere ai centri più frequentati della costa, mete di moltissimi turisti italiani e stranieri alla ricerca di occasioni di svago con caratteristiche ambientali e culturali di pregio. Un altro intervento da portare rapidamente a termine è l’installazione di due webcam, una sul Municipio e l’altra in Piazza della Vittoria, come già deliberato dalla Giunta comunale nel 2017.
  • Parco comunale. Il parco comunale di Via Marconi – destinatario di un recente intervento – deve essere ripulito e immesso alla fruizione da parte dei cittadini e dei turisti. Poiché il Comune non ha personale proprio sufficiente per mantenerne la gestione, sarà sottoscritta una convenzione con soggetti esterni come associazioni o cooperative di giovani che ne assumano la gestione mediante l’avvio di attività sportive, ricreative, musicali, e così via in modo da renderne sostenibile il mantenimento e creare occasione di lavoro. Anche per il giardino comunale di Via Orsi vale lo stesso discorso di valorizzazione attraverso soggetti esterni.
  • Sport. L’Amministrazione comunale che ci proponiamo di guidare riconosce allo sport e all’attività sportiva in generale una grande importanza sia dal punto di vista sociale sia dal punto di vista della salvaguardia della salute. Dare la possibilità ai nostri ragazzi di praticare sport fin dalla più tenera età è un compito che il Comune deve sentire come prioritario e perciò occorre garantire la costruzione e manutenzione degli impianti sportivi necessari. Il campo di calcio, il palazzetto dello sport, i campi di tennis nel Parco comunale, sono stati oggetto di importanti lavori – in parte ancora da completare ma completamente finanziati – per cui si può affermare che da questo punto di vista non ci sono problemi. Però occorre pensare al futuro e progettare altri interventi, anche su settori ancora poco battuti. Ci riferiamo, ad esempio, alle piste ciclabili che potrebbero costituire una modalità di spostamento innovativa in un comune sparso come il nostro. Non appena ci sarà la possibilità di ottenere un finanziamento in questa direzione, presenteremo la nostra richiesta per la costruzione di una pista ciclabile ad anello che offrirà la possibilità di spostarsi e fare sport in sicurezza e godendo delle bellezze paesaggistiche.
  • L’ex Foro boario. L’immenso immobile progettato come foro boario non può più costituire un monumento alle opere incompiute. Oltre al danno di non avere contribuito allo sviluppo dell’abitato è stato anche una beffa perché ha sottratto alla fruizione uno degli spazi pubblici più grandi di proprietà comunale, a pochi metri da una delle piazze più importanti dell’abitato. I motivi per cui si è giunti a questa situazione sono numerosi ma ora è il caso che si trasformi quello che era un problema in una risorsa e un’occasione di sviluppo. Il nostro impegno sarà rivolto alla realizzazione di un grande progetto che porterà al completamento dell’opera trasformandola in un grande centro per attività sociali, culturali e commerciali. Il fabbricato sarà suddiviso verticalmente ottenendo un piano in più. Al piano terra si creerà una sala polivalente destinata a ospitare manifestazioni con posti a sedere, schermo, proiettore e tutta l’attrezzatura multimediale necessaria per conferenze, convegni, spettacoli. Un altro spazio polivalente, sempre a piano terra, sarà destinato a esposizioni, mostre e attività di vario genere. L’ingresso, in corrispondenza di quello attuale, sarà destinato ad accogliere un locale pubblico con servizio bar e tavoli al coperto. Il primo piano sarà suddiviso in ambienti di diverse metrature dove troveranno posto attività di vario genere: commerciali, formative e culturali mediante apposite convenzioni da stabilire previa approvazione di apposito regolamento. La sistemazione dell’interno avverrà in contemporanea alla sistemazione esterna. Sarà progettata una visione complessiva di quella che sarà la nuova Piazza della Vittoria in cui confluiranno con funzioni sinergiche lo spazio antistante l’ex edificio delle scuole elementari, l’attuale Piazza della Vittoria con al centro l’aiuola, lo spazio fino al passaggio a livello, lo spazio interno all’ex Foro boario. Nell’enorme spazio così ottenuto si dovranno assolvere le funzioni di parcheggio, mercato, spazi per passeggiare e panchine per sedere, attività commerciali dei residenti, e così via. La copertura dell’immobile sarà utilizzata per l’installazione di un enorme campo di pannelli fotovoltaici la cui produzione di energia elettrica sarà utilizzata per alimentare gli impianti interni e compensare quote di energia utilizzate per la pubblica illuminazione.
  • Sistemazione Piazza Gabriele Perri. La piazza Gabriele Perri in quanto attigua ai palazzi che ospitano i servizi più importanti del Comune deve essere oggetto di un intervento volto a razionalizzarne la distribuzione degli spazi e delle funzioni. Si studierà un progetto allo stesso modo in cui si è detto per Piazza della Vittoria: si dovranno inserire nel nuovo progetto anche gli spazi circostanti all’attuale perimetrazione della piazza in modo da ottenere uno spazio unitario su cui intervenire per ottenere spazi di sosta con alberi ombreggianti, elementi di arredo urbano e  panchine per la sosta delle persone, percorsi per i mezzi in transito, studiando per questi anche eventuali percorsi alternativi. Sia il Municipio sia l’ex edificio scolastico saranno dotati di pannelli fotovoltaici per la produzione e successivo utilizzo o vendita di energia elettrica. Questo intervento insieme a quelli previsti per l’ex Foro Boario e il depuratore vanno nella direzione di affrancare quanto più possibile il Comune dai costi per l’energia elettrica che si sono dimostrati negli anni una vera voragine che ha ingoiato centinaia di migliaia di euro dei contribuenti che si sarebbero potuti risparmiare e destinare al contenimento delle tariffe e delle imposte e investire in miglioramento della qualità della vita.
  • Fiere e mercati. Il potenziamento delle fiere e dei mercati è in stretto collegamento con il potenziamento del settore del commercio in cui Decollatura ha una forte vocazione e una secolare tradizione. Fermo restando che la dislocazione degli operatori dovrà essere rivista a seguito della risistemazione della piazza, occorre pensare al potenziamento del settore mediante l’istituzione di almeno due nuovi mercati da abbinare a quelli già esistenti, progetto che è già in fase di elaborazione. A parte queste innovazioni occorrerà potenziare le due fiere al fine di ridare a Decollatura la posizione della più grande piazza commerciale del territorio. Poiché un settore che presumibilmente sarà in forte sviluppo nel futuro sarà quello dell’agroalimentare di pregio, la Fiera del XX Settembre dovrebbe vedere una forte connotazione in questo senso. Si dovrebbero invitare i produttori del comune e del circondario a esporre prodotti freschi e trasformati legati fortemente alla tradizione: salumi, frutti, formaggi, patate, giardiniere con ortaggi o funghi, ecc. La formula deve prevedere, oltre alla vendita, anche degustazioni organizzate invitando soggetti specializzati nel settore (Slow Food, Coldiretti, ecc.). occorre anche organizzare qualche convegno, tavola rotonda, ecc. con autorità regionali e provinciali per discutere sull’argomento. Non sarebbe una cattiva idea anche istituire forme di collaborazione con altri Comuni di fasce climatiche diverse per diffondere i loro prodotti, da ricambiare poi nelle loro fiere con esposizione dei nostri prodotti. Per la fiera di San Martino occorre utilizzare la fortunata coincidenza e il nome di San Martino con la tradizionale epoca di maturazione del vino.  Si organizzerà la prima degustazione del vino novello e l’esposizione/vendita dell’olio nuovo che è pronto più o meno nello stesso periodo. Le sinergie che in queste occasioni saranno attivate con produttori di altre aree porteranno alla promozione dei nostri prodotti in nuovi e più grandi mercati.
  • Urbanistica e Piano Strutturale Comunale. Il PSC è giunto quasi al completamento del suo iter di approvazione e quindi ci attiveremo subito per verificarne lo stato e giungere alla sua definitiva approvazione. Il Piano sarà riesaminato ed eventualmente modificato nei dettagli in cui la nuova Amministrazione riterrà di intervenire. Si utilizzerà il metodo della concertazione per raccogliere istanze da parte dei tecnici e dei cittadini, avendo sempre come punto di riferimento il modello di sviluppo che si è scelto per il territorio e l’obiettivo della semplificazione e armonizzazione degli interventi con la vocazione del territorio e le peculiarità dei nostri centri. I benefici saranno presto visibili, specialmente per le misure più attese come quella dell’istituzione dell’Area industriale. Questa si configura come un’occasione unica per dare slancio all’installazione di nuove attività produttive e al trasferimento di alcune di quelle esistenti. L’ampiezza della sua estensione, la vicinanza allo svincolo stradale che la metterà, a breve, in rapido collegamento con l’autostrada A2, la bellezza dell’ubicazione, lasciano prevedere un gran numero di richieste con benefici effetti sullo sviluppo delle attività e di introiti per le casse del Comune. Il tema dell’urbanistica e il modello che noi proponiamo agli elettori sono forse i punti più importanti del nostro progetto. Immaginare un modello di sviluppo urbanistico per il nostro paese, condividerlo e realizzarlo sono forse gli atti più caratterizzanti di un’amministrazione che vuole incidere sul futuro. Ebbene, il nostro modello poggia su tre assi portanti, tutti importantissimi:
  • spingere lo sviluppo verso la fusione dei centri abitati, ormai pressoché senza soluzione di continuità, specialmente intervenendo nelle zone in cui il fenomeno è già attivo;
  • intervenire sulla qualità dell’edificato, sia favorendo la manutenzione di edifici compromessi nei centri storici, sia tendendo a un generale innalzamento dell’estetica, a partire da quella presente negli edifici pubblici, e soprattutto comunali;
  • salvaguardia delle zone non edificate sia a valle sia in quota in modo da garantire la conservazione del bene paesaggistico e ambientale. Ciò si tradurrebbe, in definitiva, in un aumento di valore dell’edificato residenziale e commerciale in quanto appartenenti a un contesto di pregio attrattivo per residenze e turismo.
  • Sanità. La politica sulla sanità che seguiremo è quella di favorire in tutti i modi l’assistenza a tutte le fasce di popolazione, specialmente quelle più disagiate. Innanzitutto difenderemo la struttura del UCCP di Decollatura che sta fornendo un servizio molto apprezzato dai cittadini su tutte le 24 ore con i medici di base e il servizio di guardia medica. Occorrerà richiedere la presenza di altri specialisti in grado di evitare alla popolazione spostamenti e disagi che costringono spesso a rimandare visite con gravi conseguenze sulle possibilità di successo terapeutico. Il Centro di salute mentale sta svolgendo un ruolo molto importante per tutto il comprensorio e perciò va difeso e potenziato. La collaborazione con le farmacie che svolgono servizio di prenotazione è anch’essa una strada da valorizzare e far conoscere. Per gli anziani e in generale per le persone impossibilitate a muoversi si punterà sull’assistenza domiciliare in collaborazione con la sanità pubblica e anche con il ricorso al volontariato, al fine di garantire il mantenimento della residenza nelle proprie abitazioni delle persone con problemi di salute. Saranno anche attivate collaborazioni con l’Asp di riferimento per un lavoro di screening finalizzato alla prevenzione dei disagi e altre problematiche relative ai più giovani. Per quanto riguarda la sanità ospedaliera difenderemo le strutture esistenti chiedendone il potenziamento soprattutto per quanto riguarda il pronto soccorso e i mezzi di pronto intervento come ambulanze ed elisoccorso.
  • Rapporti con gli altri Comuni. I rapporti con gli altri comuni saranno improntati al «criterio della reciprocità». Questo significa che cercheremo le collaborazioni su tutti i possibili settori ma, per incominciare, andrà rivisto il sistema dei raggruppamenti di Comuni nella gestione di servizi, cioè i cosiddetti “Comuni capofila”. È in questo senso che adotteremo il criterio della reciprocità: il comportamento che il Comune di Decollatura adotterà nei confronti degli altri Comuni sarà il riflesso del comportamento di quest’ultimi nei suoi confronti. Per quanto riguarda i rapporti con altri Enti (Provincia, Regione, ecc.) si dovrà far pesare la presenza di Decollatura non solo per il ruolo storicamente rivestito nel contesto provinciale ma anche quello del peso del territorio e della popolazione. Anche nel processo di formazione dell’Amministrazione provinciale faremo pesare la nostra presenza.
  • Scuola. Per quanto riguarda i rapporti del Comune con soggetti esterni sul tema scolastico, il principale obiettivo è la revisione della configurazione degli istituti comprensivi. La situazione attuale non è rispondente ad alcun criterio oggettivo né per quanto riguarda i numeri né per opportunità geografica. Nel rispetto dei regolamenti, se gli elettori ci daranno il mandato di amministrare, praticheremo tutte le strade che porteranno Decollatura a essere la sede dell’Istituto comprensivo, eventualmente anche con mutata composizione sulla base dei nuovi dati sul numero degli alunni, non per motivi di campanile ma per motivi oggettivi basati sulla storia e sui dati attuali. Con le scuole presenti sul territorio comunale, sia quelle dell’Istituto comprensivo, sia quelle dell’Istituto di Istruzione Superiore saranno cercate delle collaborazioni per la promozione di attività per la popolazione scolastica e degli adulti, per organizzare attività di svago, promozione della cittadinanza attiva e iniziative di aggiornamento.
  • La difesa della Ferrovia della Calabria. La ferrovia per Decollatura riveste un ruolo strategico per diversi motivi. Il primo è quello legato alla presenza di un servizio indispensabile per il mantenimento della Scuola Superiore e degli altri servizi (Uccp, commercio, ecc.) e per raggiungere da Decollatura il posto di lavoro, gli uffici, le scuole e gli ospedali di Catanzaro. In secondo luogo la ferrovia è importante per la sua possibile valorizzazione per un turismo sostenibile che sempre più prenderà piede in futuro. Non trascurabile potrebbe essere il suo utilizzo come terminal per trasporto merci come avveniva in passato. Un altro impiego strategico della ferrovia potrebbe essere quello nel settore della Protezione civile: nel caso in cui le strade dovessero essere impercorribili, tramite ferrovia potrebbero ugualmente arrivare mezzi pesanti, acqua, vagoni per soccorso sanitario, viveri, ecc. Per questi motivi è assolutamente indispensabile difendere l’attuale tracciato e, caso mai, aumentare il ruolo delle stazioni nel nostro comune nel quadro di un eventuale potenziamento dal momento che, specialmente quella di Decollatura, è la stazione che nel circondario dispone di maggior spazio per ampliamenti. Non sarà accettato nessun intervento che possa penalizzare la nostra fruizione del servizio e, se necessario, si avvieranno le contromisure più opportune.
  •  Segnaletica stradale interna/esterna. È necessario intervenire sulla segnaletica stradale interna/esterna. Ci attiveremo subito per la rimozione o la modifica di indicazioni che ci riguardano e che non sono coerenti con la realtà geografica o il nostro modello di città. Lo svincolo della strada a scorrimento veloce che si trova nella frazione Adami di Decollatura dovrà contenere solo l’indicazione “Decollatura” e nient’altro, dal momento che è l’uscita principale per il nostro centro (Municipio, fiere, attività commerciali, scuole, Uccp, ecc.). L’altro svincolo, quello in località Piano Grande, manterrà la denominazione “Decollatura sud”. Analoga attenzione porremo nel richiedere la corretta indicazione sulla strada provinciale che parte da Gesariello. Per quanto riguarda la segnaletica interna si farà in modo di superare le indicazioni per frazioni dal momento che, a parte Adami, sono state da tempo abolite e l’abitato costituisce un continuum. Inoltre le zone interessate dagli svincoli di Decollatura e Decollatura sud  dovranno essere abbellite con piante e altri interventi di arredo urbano poiché costituiranno le nuove porte d’ingresso al territorio comunale.

Il presente programma elettorale contiene solo una parte di quelli che sono i nostri obiettivi. Anche per motivi di spazio abbiamo deciso di evidenziare quelli che sono i più urgenti e quelli più caratterizzanti ma in ogni settore interverremo con lo stesso spirito che si rileva in queste pagine, mirando alla crescita e al benessere della popolazione.

AL FINE DI AMPLIARE IL PROGRAMMA CON PROPOSTE E SUGGERIMENTI INVITIAMO TUTTI A INVIARE UN COMMENTO UTILIZZANDO IL MODULO CHE SI TROVA QUI DI SEGUITO.

 


Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il numero: *