Ricordando Emilio Grandinetti a 50 anni dalla sua scomparsa

Il prossimo 11 agosto 2014, presso la Sala Consiliare del Comune di Decollatura, alle ore 17, l’Amministrazione Comunale organizza una manifestazione per ricordare la figura di Emilio Grandinetti (1882-1964) a 50 anni dalla sua scomparsa.

 

Locandina

Grandinetti è stato un grande sindacalista che svolse la sua attività in America nella prima metà del Novecento e la cui azione fu decisiva nell’organizzazione dei primi scioperi per l’ottenimento di migliori condizioni per i lavoratori. Nato a Decollatura nel 1882, Grandinetti era studente di ingegneria a Messina nei primi anni del Novecento quando si affermavano in Calabria e in Sicilia i primi movimenti socialisti e sindacali. Attivamente inserito nella lotta per il riscatto delle classi sociali più umili e contro il malgoverno, fu costretto a partire in America a 24 anni per evitare guai con la legge.

Corteo di lavoratori dell'industria dell'abbigliamento, Chicago 1915

Corteo di lavoratori dell'industria dell'abbigliamento in sciopero, Chicago 1915

In America divenne uno dei maggiori propagandisti e attivisti nel movimento sindacale dell’ACWA, il sindacato degli operai dell’abbigliamento. Grande oratore e trascinatore di folle, fu giornalista molto apprezzato e sostenitore della causa degli antifascisti italiani. Nonostante non sia mai ritornato in Italia, nei suoi scritti emerge sempre il ricordo del luogo natio. Morì a Chicago nel 1964 lasciando i figli e la moglie Elvira Forte, originaria di Catania, che aveva condiviso con lui tutta l’esistenza.

 

La Parola del Popolo

A ricordare Emilio Grandinetti ci sarà il sindaco di Decollatura Anna Maria Cardamone, la professoressa Katia Massara, docente di Storia contemporanea dell’Unical che parlerà dei movimenti politici e sindacali in Calabria all’inizio del Novecento e il prof. Giuseppe Musolino che illustrerà la biografia di Grandinetti con documenti, molti dei quali inediti. Alla manifestazione saranno presenti numerosi parenti di Emilio Grandinetti.


Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>